mercoledì, marzo 27, 2019

Focus sulla Sicurezza

Si è svolto a Roma lo scorso 14 Marzo presso la Sala del Refettorio (Palazzo San Macuto, Camera dei Deputati) il convegno – organizzato da A.N.CO.R.S. in collaborazione con CONFASSOCIAZIONI SICUREZZA e con il patrocinio di CONFASSOCIAZIONI – dedicato all’importanza della cultura della prevenzione.

 

PREVENZIONE E PROTEZIONE, POLITICHE ATTIVE PER LA SICUREZZA PER IL FUTURO DELL’ITALIA.

 

In un mondo globale fatto di reti, di interdipendenze e sempre più fragile, emergono in maniera significativa bisogni di sicurezza e protezione sempre più forti.

Fenomeni come la Brexit, l’elezione di Donald Trump negli USA e come i risultati delle recenti elezioni italiane sono il segno che gli individui sentono il bisogno di processi che, in un sistema che non produce più certezze, almeno riducano le incertezze. Questa è la lezione che ci hanno insegnato gli ultimi 10 anni di questo XXI secolo.

Ed è per questo che noi professionisti della sicurezza siamo qui, tutti assieme per offrire una risposta a questa serie di bisogni, con concrete logiche di prevenzione e protezione delle persone nei diversi ambiti del lavoro. Risposte che devono essere costruite con il contributo di tutti e con il diretto coinvolgimento di professionisti che sono fortemente coinvolti nella sfida globale della competizione digitale, dove il singolo segmento di riferimento è all’interno di un sistema collaborativo di rete aperto.

In questo sistema, si colloca A.N.CO.R.S. “Associazione Nazionale dei Consulenti e dei Responsabili della Sicurezza, organizzazione nazionale, con circa 150 sedi in Italia, cinque sedi di rappresentanza all’estero e che aderisce a CONFASSOCIAZIONI, Confederazione delle Associazioni Professionali, soggetto di rappresentanza unitaria delle Federazioni, dei Coordinamenti e delle Associazioni che esercitano attività professionali “non organizzate in ordini e collegi”, in Italia ed in Europa.

CONFASSOCIAZIONI raggruppa, ad oggi, 355 organizzazioni professionali tra soggetti di primo e secondo livello che riuniscono quasi 700mila professionisti e rappresentano una parte fondamentale del sistema nervoso dell’economia italiana. Un sistema che genera il 9% del PIL del Paese (il 21% se si considerano le aziende collegate). In questo ambito il Presidente di A.N.CO.R.S., Luigi FERRARA è anche il presidente della branch CONFASSOCIAZIONI SICUREZZZA ed ha avviato da tempo diverse collaborazioni e progetti con istituzioni, enti, aziende, associazioni e con il mondo del volontariato per definire una strategia comune per la diffusione della cultura della prevenzione per arrivare ad una governance della sicurezza a tutela del cittadino, del lavoratore, e dell’intero sistema di garanzie sociali.

A tal fine, è nato, ad esempio, il progetto con l’Università Mercatorum, l’Università Telematica delle Camere di Commercio Italiane, che ha dato il via al Master di I livello Tecnici della Sicurezza sul Lavoro – Hse Manager Esperto, strutturato per offrire una risposta diretta e precisa ai fabbisogni di formazione e di professionalità espressi dal settore Safety at Work italiano. Con la Direzione Generale dell’INAIL un progetto che persegue l’informazione e lo sviluppo della cultura della prevenzione. In collaborazione con il Comune di Napoli ed il movimento ILS sono state organizzate giornate dedicate alla sicurezza caratterizzate da intense attività dove il cittadino ha potuto partecipare al tema della prevenzione attraverso esercitazioni, spettacoli teatrali, musicali e laboratori didattici che hanno destato l’interesse del mondo scolastico e del MIUR.

Particolare attenzione è stata rivolta al mondo della informazione e dei media con ANCORS 24, newsletters professionale nata e diffusa in collaborazione con il gruppo SOLE 24 ORE e con il primo quotidiano on line “Occhio alla Sicurezza” che tratterà ed approfondirà tutti i temi legati ai vari ambiti della sicurezza (cittadina, lavoro, stradale, ambiente, scuola, etc). Tutto questo perché riteniamo necessaria una profonda riflessione, con indipendenza di pensiero, per operare un radicale cambio di paradigma: ripartire dalla centralità della sicurezza, del lavoro e della persona, coniugando le compatibilità economiche con la tutela dei bisogni del cittadino, del lavoratore, della comunità e con le esigenze dell’impresa, per costituire un importante volano di ulteriore sviluppo.

About admin

Comunicati Stampa a cura di: Dott.ssa Adriana Apicella Direttore Generale CONFASSOCIAZIONI email: UfficioStampa@confassociazioni.eu